Premi e riconoscimenti


Premi e riconoscimenti ad ECPAT Italia Onlus per il suo impegno contro ogni forma di sfruttamento sessuale commerciale dei minori

2012 Premio Takunda – Cesvi

Il premio è stato conferito “per l’impegno in Cambogia a favore dei bambini contro lo sfruttamento sessuale con il progetto “Amore a Phnom Penh”

2011 Premio Soroptimist International d’Italia – Soroptimist Italia

Il premio nato su iniziativa della Presidente Nazionale Elda Pucci, da assegnare “ad una o più persone – uomo o donna, italiana o straniere – che abbiano dimostrato nel corso della loro vita un chiaro impegno in armonia con il principi e le finalità del Soroptimist“.

2007 Premio Cicerone – Comune di Roma

Il Premio Cicerone istituito dal Comune di Roma su proposta dell’Associazione Culturale Edmondo è stato conferito “per l’azione di lobbying nei confronti delle istituzioni nazionali ed internazionali al fine di promuovere l’approvazioni di leggi che prevedono la possibilità di giudicare e condannare in patria un cittadino che ha abusato di un minore all’estero, nonché di spingere l’industria del turismo ad adottare un codice di condotta specifico“.

2007 Best site awards 2007 – Mark&Tech

nell’ambito della II edizione di Mark&Tech, workshop organizzato da Confindustria Assotravel dedicato espressamente alla tecnologia e al marketing rivolto ad Agenti di viaggio, tour operator, albergatori e a tutte le realtà del settore turismo. ECPAT è stata premiata nella categoria “Associazioni che si occupano direttamente delle tematiche legate al turismo responsabile”.

2006 La collina dell’infanzia – Regione Lazio

Un albero per la promozione dei diritti dell’INFANZIA e dell’AMBIENTE: ” per il lavoro di contrasto della prostituzione infantile, della pedo-pornografia e del turismo sessuale e per aver promosso la legge italiana contro il turismo sessuale

1998 Premio Solidarietà – Fondazione Italiana per il Volontariato

L’impegno profuso da ECPAT Italia nella lotta al turismo sessuale con bambini le è valso questo premio “per aver portato all’attenzione dell’opinione pubblica e del Parlamento il fenomeno dello sfruttamento sessuale dei minori evitando accuratamente ogni forma di sensazionalismo“.